MCO

La MCO nasce sedici anni fa come studio odontoiatrico dalla passione che ho sviluppato per questa materia. Il tutto è stato costruito con sacrifico da zero con l’obiettivo costante di curare sempre meglio i pazienti. La propensione al confronto mi ha portato a condividere negli anni la mia esperienza sostenendo nella crescita numerosi professionisti che ho avuto il piacere di far “appassionare” all’ortodonzia. Consapevole di quanto sia ampio l’universo dell’odontoiatria e della necessità di lavorare in team, ho negli anni selezionato gli specialisti, ognuno con profonda conoscenza del proprio settore, con cui pianifico e condivido ogni terapia, dalla più semplice alla più complessa, garantendo al paziente il massimo in termini di aggiornamento e risultato. Questo sforzo, che richiede investimenti in termini di persone e tecnologie, consente oggi di offrire un livello di prestazioni odontoiatriche riconosciuto al vertice degli standard internazionali. Tale crescita ha richiesto, nell’interesse del paziente e della logistica, un progressivo ampliamento della struttura che è passata da una singola unità operativa ad essere un centro su due livelli, distinti per discipline e di cui uno dedicato solo all’ ortodonzia, con 7 unità operative, una sala corsi per formare dottori italiani e stranieri, un settore radiologico interno e tecnologie all’avanguardia in termini di apparecchiature e gestione informatizzata dei dati.

Dr. Paolo Manzo

Studi & Formazione

Laureato “con lode” in Odontoiatria e Protesi Dentaria nel 1997 e specializzato in Ortognatodonzia presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Presso questa stessa Università ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Scienze Odontostomatologiche.

Incarichi Universitari

Professore a contratto e tutor clinico presso la Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia dell' Università "Federico II" di Napoli dal 2009. Docente Corso di Ortodonzia P2R presso Università "La Sapienza" di Roma

Riconoscimenti

Ha ottenuto la Certificazione di Eccellenza in Ortodonzia dall’I.B.O. (Italian Board of Orthodontics) e dall’E.B.O. (European Board of Orthodontics) e dall’E.B.L.O. (European Board of Lingual Orthodontics). Membro del Board della F.E.O. (European Federation of Orthodontics) dal 2011 al 2015."

Pubblicazioni

E' autore di relazioni a congressi, master universitari e corsi in Italia ed all' estero e di diverse pubblicazioni e contributi scientifici di interesse ortognatologico in contesti nazionali ed internazionali..

Ortodonzia Classica

L’ortodonzia è la branca dell’odontoiatria preposta alla diagnosi, prevenzione e correzione delle anomalie dei denti, della mascella e mandibola e delle strutture muscolari e articolari a cui sono anatomicamente e funzionalmente collegati. Questa si basa sull’utilizzo di apparecchiature fisse o rimovibili, a seconda del trattamento da fare e dell'età del paziente, con cui l'ortodontista è in grado di correggere malocclusioni dentarie o scheletriche o miste cioè sia dei denti che delle strutture ossea mascellare e mandibolare

Ortodonzia Invisibile

L'ortodonzia al 100% invisibile prevede l'applicazione di un apparecchio fisso, dal minimo ingombro, sulla parte non visibile e quindi interna dei denti. Per tale motivo si parla di ortodonzia "linguale". L'efficacia ed i tempi di trattamento sono gli stessi delle tecniche "tradizionali" sia per casi semplici che complessi con il vantaggio però di avere un apparecchio "nascosto". In alternativa, per casi non complessi, il trattamento invisibile può essere effettuato con allineatori rimovibili. Questo si basa sull’utilizzo di una sequenza di mascherine rigide e trasparenti, realizzate su un’impronta delle arcate dentarie, che spostano i denti mentre vengono indossate. Tali mascherine vanno cambiate ogni 14 giorni e le mascherine sono praticamente invisibili, si possono togliere per mangiare o per appuntamenti , ma necessitano di essere indossate regolarmente, senza lunghe interruzioni. Per questi motivi tale trattamento è principalmente rivolto ai pazienti adulti, generalmente più collaborativi rispetto ai bambini e desiderosi di apparecchi ortodontici meno evidenti.

Conservativa

L'odontoiatria conservativa è una branca dell'odontoiatria restaurativa che si occupa della cura dei denti interessati da processi cariosi, delle procedure per l'eliminazione della carie e di quelle relative alla chiusura delle cavità risultanti dall'eliminazione dello smalto e della dentina cariata, tramite l'utilizzo di appositi materiali. Le carie possono essere superficiali o profonde. Nel primo caso ci si limita ad asportare parte della dentina e dello smalto interessati dalla carie, otturando il dente con appositi materiali (generalemente compositi). Nelle carie profonde vi può essere un interessamento della polpa del dente, contenente anche le fibre nervose, e allora si ricorre alla cura canalare (terapia endodontica) detta anche devitalizzazione. Il termine conservativa indica l'obbiettivo di tali cure, cioè di conservare i denti altrimenti distrutti dalla carie e ripristinarne l’anatomia che può essere stata alterata dalla carie destruente o da frattura.

Sbiancamento

Lo sbiancamento dentale è una procedura odontoiatrica che permette di migliorare il colore dei denti, rendendoli più bianchi. Si tratta di una procedura chimica che non produce alcuna alterazione del dente e si può effettuare alla poltrona odontoiatrica con una seduta sola o a casa con dispositivi su misura realizzati dall’odontoiatra in cui veicolare il gel sbiancante. A questo primo tipo di sbiancamento, cosiddetto “cosmetico”, si affiancano altri tipi di sbiancamenti utili per risolvere discromie dentali, anche severe, dovute a patologie sistemiche (per esempio la fluorosi, disordini ematici, etc) oppure agli esiti di terapie con alcuni tipi di antibiotici (ad esempio, le tetracicline).

Gnatologia

la Gnatologia che è la branca dell’odontoiatria che prevede la diagnosi, prevenzione e cura dei disordini muscolari ed articolari cranio-temporo- mandibolari e quindi della disfunzione dell’ATM (incluso il dolore e il click articolare e le deviazioni funzionali e di forma articolari) e dei muscoli masticatori e non solo

Pedodonzia

La pedodonzia o odontoiatria pediatrica è una disciplina che previene e cura le patologie odontostomatologiche del paziente in età evolutiva, dai 2 ai 16 anni. L’attenzione è rivolta alla prevenzione delle lesioni cariose con, applicazioni di fluoro, sigillatura dei solchi, educazione all’igiene orale e alla individuazione precoce di malocclusioni . E’ di fondamentale importanza perché consente di instaurare il rapporto odontoiatra-paziente che poi il piccolo porterà con sé per tutta la crescita e anche da adulto

Implantologia

Per implantologia dentale si intende quell’insieme di tecniche chirurgiche atte a riabilitare funzionalmente un paziente affetto da assenza totale o parziale di denti (anche un singolo dente mancante) mediante l’utilizzo di impianti dentali in titanio inseriti nell’osso mandibolare o mascellare, atti a loro volta a permettere la connessione di protesi, fisse o mobili, per la restituzione della funzione masticatoria. Tali impianti possono essere di diverse forme, inseriti in diverse sedi con tecniche differenti (All on Four, flapless cioè senza incisione, immediato post-estrattivo, a carico immediato etc) e poi connessi alle protesi con diverse tempistiche.

Protesi

Con il termine “protesi mobile” si intendono tutte le protesi atte alla sostituzione di intere arcate o parti di essa. Sono definite mobili in quanto possono essere rimosse facilmente dal paziente durante l’arco della giornata. Le protesi mobili sono totali o parziali in caso in cui sostituiscano tutti i denti dell’arcata o solo alcuni. Per protesi fissa si intende una corona o capsula fissa cementata o avvitata in metallo-ceramica o solo ceramica, su un dente naturale o un impianto osteointegrato che rispristina un dente o più denti con un alto livello estetico . Permette anche di ripristinare attraverso un ponte su denti naturali o impianti l’assenza di uno o più denti. Esistono delle soluzioni protesiche fisse che consentono, attraverso ponti o intere arcate fisse montate su barre, di riabilitare arcate intere mediante l’uso di un numero minimo di 4 impianti per arcata (All on Four e simili)

Chirurgia

Si occupa della estrazione di denti erotti, residui radicolari, denti inclusi nell’osso o sem­inclusi e dell' asportazione di cisti e tumori del cavo orale. Inoltre con la chirurgia preprotesica come i rialzi di seno mascellare mediante innesti di osso o biomateriali o la chirurgia ricostruttiva ossea si possono preparare le arcate del paziente ad accogliere impianti dentari e protesi in casi di insufficienza di osso.

Igiene Orale

Per igiene orale si intende la pulizia della cavità orale ed in senso più esteso tutte quelle manovre per ottenerla, siano esse a livello domiciliare che a livello professionale. L’igiene orale eseguita dall'odontoiatra o dall' igienista ha scopo sia terapeutico che preventivo in quanto consente di prevenire la carie e i problemi parodontali (cioè di gengive e osso)

Parodontologia

La parodontologia si occupa della diagnosi, prevenzione e terapia delle malattie del parodonto (gengivite e parodontite) di superficie e profondo e cioè dell’insieme dei tessuti molli (il legamento periodontale e la gengiva) e duri (cemento e tessuto osseo alveolare) che circondano il dente e che assicurano la sua stabilità nell’arcata alveolare (in condizioni di salute). E’ di cruciale importanza per la conservazione dei denti a lungo termine. Infatti anche con denti perfettamente sani, la presenza di problemi parodontali può condurre alla perdita del o dei denti per la riduzione del tessuto di sostegno dei denti stessi. Inoltre la parodontologia consente, attraverso interventi chirurgici parodontali di tipo rigenerativo tissutale o osseo o di ripristino/modifica della forma e della posizione della gengiva (innesti), dei frenuli, di riabilitare funzionalmente ed esteticamente il paziente.

Endodonzia

L’endodonzia si occupa di diagnosi e terapia delle condizioni, incluse le lesioni cariose e non, che, interessando la polpa, richiedono l’asportazione della polpa stessa e la disinfezione e sigillatura delle aree dove era presente il tessuto pulpare in modo da riempire i canali che contenevano questo tessuto evitando il rischio che si generi un' infezione secondaria. Solitamente si ricorre alla terapia endodontica qualora una lesione cariosa o traumatica al dente determinino o possano determinare un’ alterazione irreversibile del tessuto pulpare, fino alla necrosi dello stesso. È possibile inoltre ricorrere a questa metodica qualora l’elemento dentario debba essere coinvolto in riabilitazioni protesiche che, a causa della notevole riduzione di tessuto dentale stesso, determinerebbero con alta probabilità un’alterazione pulpare irreversibile (necrosi pulpare per cause iatrogene).

Tac e Con Beam 3D

La tomografia computerizzata cone beam o tomografia computerizzata a fascio conico è una tecnica di imaging biomedico realizzata mediate dei raggi x a forma di cono. La CT cone beam è diventata sempre più importante nella diagnosi e nella pianificazione del trattamento in ortognatodonzia e nell’implantologia ed in particolare è indispensabile nelle tecniche di implantologia computer assistita. Questa tecnologia sta trovando sempre più impiego anche in altri campi dell’odontoiatria, come ad esempio l’endodonzia. La cone beam presenta il vantaggio, rispetto alle TAC tradizionali, di essere un esame radiografico a più basso dosaggio di radiazioni. Essa consente di vedere esattamente la posizione e la morfologia di denti inclusi nell’osso, bloccati o meno, e di denti sovrannumerari o malformati o in posizione ossea anomale.

Logopedia

La logopedia è una branca della medicina che si occupa della prevenzione e della cura delle patologie e dei disturbi della voce, del linguaggio, della comunicazione, della deglutizione e dei disturbi cognitivi connessi (relativi, ad esempio, alla memoria e all'apprendimento). Si occupa, inoltre, dello studio delle funzioni corticali superiori e del loro fondamento neurobiologico connessi al linguaggio, alla memoria e all'apprendimento..

Sedazione Cosciente

Con il termine di sedazione si indica, in anestesia, uno stato di ipnosi parziale in cui il paziente non perde completamente la nozione di sé. La sedazione può essere indotta pressoché con tutti i farmaci ipnotici o con una miscela gassosa che non presenta controindicaizoni producendo effetti reversibili in pochi minuti e pertanto viene usata anche nei bambini e nelle donne in gravidanza per ridurre lo stress della seduta in caso di timore per le cure o di scarsa collaborazione

MCO TEAM

La qualità delle prestazioni nasce da una buona diagnosi, da una buona pianificazione di trattamento e quindi dalla conoscenza della materia.

Tutti
Dottori
Assistenti
Segreteria

Corsi in office

La MCO ospita durante l’anno corsi di aggiornamento per medici e odontoiatri. Per gli odontoiatri in particolare sono disponibili, in date specifiche, sessioni di 1 o 2 giornate in cui vengono insegnate le più avanzate tecniche di trattamento. Gli incontri di ortodonzia prevedono, solitamente, una sessione teorica nella nostra sala corsi e una parte di training clinico alla poltrona su paziente con il Dr Manzo. Nello storico dei nostri corsi abbiamo formato e certificato alla tecnica ortodontica invisibile linguale già numerosi professionisti italiani e stranieri .

La nostra filosofia

 

Io e il mio team siamo sempre stati dell’idea che non sia la tecnologia a fare il buon medico. La qualità delle prestazioni nasce da una buona diagnosi, da una buona pianificazione di trattamento e quindi dalla conoscenza della materia.

Le tecnologie, però, aiutano molto nella diagnosi e possono agevolare e velocizzare il lavoro aumentandone anche l’accuratezza.

Per tale motivo abbiamo introdotto apparecchiature che vanno da quella per la sedazione cosciente alla TAC Cone Beam fino al Laser a Diodi e all’innovativo Scanner Intraorale con cui in pochi secondi acquisiamo impronte di precisione della bocca.

e il metodo

.

Prenota una visita gratuita

Al nostro primo incontro si analizzeranno i problemi e si raccoglieranno i dati necessari alla diagnosi. Talvolta sarà possibile da subito ricevere una diagnosi ed un piano di cura con preventivo. In altri casi come per l’ortodonzia sarà necessario sviluppare i dati raccolti.

Diagnosi e piani di cura collegiale

I dati raccolti in prima visita vengono elaborati per fornire una diagnosi ed un piano di terapia e di costi individualizzati seguendo le esigenze del paziente. Viene dedicata una seduta specifica alla spiegazione del piano di trattamento che si inizia quando ogni aspetto è chiaro e concordato.

Piano di cura

Il piano di cura e gli appuntamenti vengono modulati e concordati con il paziente che può seguire il flusso anche tramite App o consultando il team interno.

Verso l'obiettivo

La fase preliminare valutativa è il mezzo per andare spediti e senza esitazioni ne incertezze verso l’obiettivo: soddisfare il paziente curandolo al meglio e nel tempo giusto